Atletica, il nuovo numero del magazine

02 Aprile 2020

Il rinvio dei Giochi di Tokyo in primo piano con un'intervista a Tamberi e i ricordi di Pamich. Focus sui record italiani di Fabbri e Faniel. Clicca per scaricare la rivista

 

C’è Gianmarco Tamberi in copertina nel nuovo numero di Atletica, il magazine della Federazione Italiana di Atletica Leggera, pubblicato dal 1933. È sua la foto-simbolo del rinvio dei Giochi olimpici di Tokyo al 2021: il gesso che avvolgeva il piede dopo l’infortunio del luglio 2016, la strada che iniziava verso Tokyo 2020 e adesso il nuovo obiettivo del 2021. All’interno, un’intervista racconta proprio l’avvicinamento di Gimbo all’evento a cinque cerchi (“Nei soli tre mesi invernali ho svolto più allenamenti che in tutto il mio tormentato 2019”) e cosa cambia, anche mentalmente, con lo slittamento di un anno. 

Ad aprire le 64 pagine di questo numero è il messaggio del presidente FIDAL Alfio Giomi (“Tutti insieme ce la faremo”). Lo “speciale Tokyo” parte dal racconto dell’inverno a due facce: i risultati di prestigio degli azzurri e l’escalation di rinvii di eventi italiani e internazionali per il diffondersi della pandemia da coronavirus. Un tuffo nella storia, da Tokyo 1964 a Tokyo 2021: tutti da leggere i ricordi della leggenda della marcia italiana Abdon Pamich, campione olimpico della 50 km in Giappone.

Due approfondimenti celebrano le principali imprese dell’inverno azzurro: Leonardo Fabbri e il suo capolavoro nel peso, record italiano indoor portato a 21,59 cancellando il primato di Andrei (“Ho fatto qualcosa di blasfemo, lui è un mito”), ed Eyob Faniel nuovo re della maratona tricolore con le 2h07:19 di Siviglia: “Al quarantesimo chilometro ho visto Pertile che si sbracciava, mi urlava di insistere. Non avevo più guardato l’orologio, solo allora mi sono accorto che potevo battere il record italiano”. Altri due focus azzurri sono dedicati agli “amici-rivali” dei 100 metri Filippo Tortu e Marcell Jacobs, e all’ostacolista Luminosa Bogliolo “competitiva anche al bar”. Come sempre, ampio spazio alle rassegna tricolori al coperto di Ancona e Padova, all’attività dei master e della corsa in montagna, al mondo paralimpico con un’intervista a Martina Caironi, e al “dietro le quinte” dei social network, caratterizzati dagli hashtag #DistantiMaUniti e #AtleticaViva.

Ricca la pagina internazionale. In evidenza le “cose dell’altro Mondo” realizzate da Armand Duplantis a febbraio con il doppio record del mondo dell’asta fino a 6,18, ma anche la venezuelana Rojas al primato mondiale del triplo, e il dualismo tra gli sprinter statunitensi Lyles e Coleman che ambiscono all’eredità di Usain Bolt come padroni della velocità mondiale.

ll “Filo di lana” rievoca il doppio successo di Totò Antibo a trent’anni dagli Europei di Spalato del 1990, la rassegna che ha consegnato il siciliano al gotha del mezzofondo e che ha rivelato il talento dell’indimenticabile Anna Rita Sidoti. Nello scrigno dei ricordi c’è posto anche per l’addio alla giavellottista ceca Dana Zatopkova e alla sua vita da romanzo.

ABBONAMENTI - Per abbonarsi alla rivista è necessario effettuare un bonifico di 20 euro sul conto corrente ordinario BNL (IBAN IT29Z 01005 03309 000000010107) intestato a Federazione Italiana di Atletica Leggera, specificando nella causale “Abbonamento rivista Atletica” oltre al proprio indirizzo per il recapito. In alternativa si può ordinare attraverso il portale di e-commerce AtleticaShop a questo LINK.

CLICCA QUI PER IL DOWNLOAD DEL NUMERO 1/2020 DELLA RIVISTA "ATLETICA"

ATLETICA | L'ARCHIVIO ONLINE CON TUTTI I NUMERI DAL 2005 AD OGGI

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate