Sofiia Yaremchuk trionfa a Venezia

24 Ottobre 2021

Nella 35esima Confindustria Venezia Venicemarathon si impone la 27enne dell'Esercito allenata da Fabio Martelli: "Mi godo il successo. Contro ogni difficoltà. È stata la prima, non sarà l’ultima"

 

Successo italiano al femminile nella 35esima Confindustria Venezia Venicemarathon dove esulta Sofiia Yaremchuk, che si aggiudica la gara in 2h29:12 all’esordio sui 42,195 chilometri. La 27enne dell’Esercito si rende protagonista di un debutto convincente e piazza l’azione decisiva al 35° km per battere nettamente la keniana Marion Kibor, seconda in 2h31:17, e l’etiope Megerte Geletu (2h33:50). Festeggia all’arrivo l’atleta che un paio di settimane fa, nei 10 km su strada a Forlì, è riuscita a conquistare il suo primo titolo tricolore. Nella maratona da Stra a Venezia reagisce all’attacco sferrato dalle due africane intorno al 30° km, al parco di San Giuliano, recuperando una decina di secondi sul ponte della Libertà dopo aver condotto la prima parte nel gruppo di testa con un parziale di 1h15:08 a metà gara.

È un crono finale in linea con lo standard richiesto per i Mondiali del prossimo anno a Eugene (2h29:30), anche se al momento non può ancora indossare la maglia azzurra per aver partecipato con l’Ucraina, la sua nazione d’origine, alla rassegna iridata di mezza maratona della passata stagione. Da 22 anni un’italiana non si imponeva in laguna: l’ultima era stata Sonia Maccioni nel 1999. “Mi è piaciuta tantissimo”, le parole di Sofiia Yaremchuk che si è trasferita nel 2016 a Roma dove viene allenata da Fabio Martelli e ha ricevuto la cittadinanza italiana al termine dell’anno scorso. “Avevo detto che avrei voluto godermela e così ho fatto dal primo all’ultimo metro, nonostante il vento, i ponti e le difficoltà che si trovano in una prova così lunga. È stata la prima, non sarà l’ultima”. (continua a leggere su FIDAL.IT



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate