Staffette, Pro Patria e Trieste ancora campioni

10 Marzo 2018

Belle sfide al Teatro Romano di Gubbio nella prima giornata della Festa del Cross. Master: argento per l'Avis Perugia e bronzo per l'Athlon Bastia 


 

 

Cus Pro Patria Milano e Trieste Atletica le staffette campioni d’Italia nel cross. Sullo splendido percorso disegnato intorno al Teatro Romano di Gubbio le lombarde e i giuliani si confermano al vertice. Per i colori umbri spicca la medaglia di argento dell’Avis Perugia nella Sm55 e il bronzo fra le Sf40 dell’Athlon Bastia.

ASSOLUTI FEMMINILI - Tre stre. La Cus Pro Patria Milano si conferma regina della staffetta femminile vincendo per il terzo anno consecutivo sui prati di Gubbio. Il quartetto lombardo era il grande favorito della vigilia ed ha confermato il pronostico forte anche dell’arrivo in squadra dell’azzurra ex Esercito Elena Romagnolo. A conti fatti l’esperta fondista ha solo dovuto gestire il vantaggio nell’ultima frazione. Ma non è stata una passeggiata perché dopo la prima frazione, riservata alle allieve, il Cus Pro Patria con Eleonora Germani occupava solo la nona posizione con in testa l’Acsi Italia Roma (lo scorso anno bronzo dopo l’Arcs Cus Perugia, quest’anno assente) trascinata da Benedetta Antonelli. Strepitosa in seconda frazione la rimonta della junior Carlotta Missaglia che ha portato il Cus Pro Patria in terza posizione. Ci ha pensato poi Nicole Reina a portare in testa la Pro Patria davanti alla Malignani Udine, all’Acsi Italia e alle due formazioni dell’Alta Valseriana.

Finale con rimonta dell’Alta Valseriana A che va a prendersi la seconda posizione alle spalle della Romagnolo.

ASSOLUTI MASCHILI – Finale thrilling nella gara maschile con Patrick Nasti, ex Fiamme Gialle, lanciato verso l’oro bis della Trieste Atletica. Ma una formazione super di Matteo Spanu, 22enne da 3’49” nei 1500 e 8’16” nei 3000 ha permesso alla Modigliani Udine di scalvacare la Futura Roma e colmare il gap col vertice. A 400 metri dal traguardo il sorpasso, ma l’esperto Nasti sul rettilineo finale ha operato il controsorpasso ai danni di uno stremato ma davvero bravo Spanu crollato dopo il traguardo.

MASTER FEMMINILI – L’Athlon Bastia sale sul terzo gradino del podio della categoria SF40. Il quartetto composto da Elisa Vincenti Gatti, Silvia Lanari, Ilaria Scassini, Francesca Moretti. Titolo all’Atletica Castello sulla Sef Altamura. Ottava piazza, nella categoria SF45, per l’altra squadra dell’Athlon Bastia (Sara Rotini, Romina Fonti, Ulrike Zum Tobel, Eliana Marcela Zuniga).

MASTER MASCHILI -  La seconda medaglia per i colori umbri è quella d’argento conquistata dal quartetto dell’Avis Perugia nella stafetta Sm55 grazie al quartetto composto da Sauro Finocchi, Sandro Caporali, Luigi Franceschelli, Maurizio Vagnoli. A completare i buoni piazzamenti delle formazioni umbre i quinti posti dell’Atletica Taino (Alessandro Piersantelli, Marzio Pecci, Alessandro Tacchi, Mario Procacci) nella Sm45 e quello dell’Olympic Runner Lama (Claudio Braganti, Giovanni Ranieri, Graziano Baldacci, Mauro Braganti) nella Sm50.

 

File allegati:
- RISULTATI
- FOTO

Il quartetto della Trieste Atletica (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate