Tricolori allievi: Befani bronzo, Elena Ribigini record

17 Giugno 2022

A Milano prima giornata super: l'astista valica i 4.30, la siepista è quinta con un grande miglioramento. Gentili e Cavalaglio sesta e settima nel martello

 
Un salto... sul podio. Riccardo Befani non sbaglia nell'occasione più importante conquistando con 4.30 la medaglia di bronzo nel salto con l'asta ai campionati italiani allievi in corso di svolgimento a Milano. Ma la prima giornata è ricca di piazzamenti "da finale". Elena Ribigini toglie 17 secondi al suo fresco record regionale chiudendo quinta nella gara dei 2000 siepi con uno straordinario 7:09.18 a soli 4 decimi dal podio. Nelle otto finiscono anche le due martelliste in gara, Angelica Gentili e Anita Cavalaglio rispettivamente settima e ottava.

RISULTATI

LA FAMIGLIA... ASTA - Tale padre tale figlio. Con un padre come Giacomo Befani (2S Spoleto) non poteva venir fuori un astista coi fiocchi. E così Giacomo Befani, lo scorso anno protagonista alla rassegna tricolore cadetti nei 100 ostacoli, si prende una meravigliosa medaglia di bronzo nella specialità di famiglia. E pensare che per Riccardo la rassegna tricolore allievi a Milano non era iniziata benissimo: due errori alla quota di ingresso di 3.90 e il rischio di finire subito fuori. Spalle al muro l'alfiere della 2S Spoleto non ha fallito. Dopo aver passato quota 4.00, Befani valica alla prima 4.10 per poi passare al secondo tentativo 4.20. Pass anche a 4.25 mentre a 4.30 arriva subito il salto che vale la medaglia (poi i tre errori a 4.35 ma con il bronzo già al collo). Per papà Giacomo l'ennesima medaglia da allenatore con un nuovo atleta. Nella stessa gara chiude decimo, non distante dal personale, Gabriele Bondi (Libertas Città di Castello) che dopo aver rischiato a quota 3.75 supera 3.90 alla prima prima di fallire quota 4.00. 
ELENA RIBIGINI, CHE RECORD - Elena Ribigini (Arcs Cus Perugia) si conferma in costante crescita e a Milano toglie addirittura 17 secondi al primato regionale dei 2000 siepi che si era già presa in occasione del Brixia meeting. Una gara che si accende con sei atlete che spiccano su tutte e fra queste c'è anche la gemella. Mentre Sofia Cafasso si invola chiudendo sotto i 7 minuti, si accende la battaglia con quattro atlete in lizza per il bronzo e fra queste Elena Ribigini che chiude quinta con l'ottimo crono di 7:09.18, più di 17 secondi in meno del 7:26.48 stampato al Brixia meeting di Bressanone. 
MARTELLO, DUE NELLE OTTO - Meglio le allieve degli allievi. Angelica Gentili (Arcs Cus Perugia) e Anita Cavalaglio (Libertas Città di Castello) chiudono nelle prime otto, rispettivamente al sesto e settimo posto la gara del lancio del martello femminile. Entrambe finiscono non distanti dal proprio personale con la Gentili che è protagonista di un miglior lancio a 51.01 mentre la tifernate chiude a 49.89. Nella gara maschile Mattia Fiorucci (Libertas Città di Castello) resta appena fuori dagli otto: è nono con 50.53 (a 90 centimetri dal suo primato) mentre il compagno di squadra Mattia Pasquetti, in attesa del peso, chiude al dodicesimo posto con 48.37. 
MARCIA, VINTI DODICESIMA - Marcia la seconda prestazione in carriera Francesca Vinti (Arcs Cus Perugia): il suo 26:03.47 (meglio aveva fatto solo ad inizio maggio a Foligno quando aveva ritoccato il suo record regionale) nei 5000 metri le vale il dodicesimo posto finale. 
SIEPI, BARTOLI SI CONFERMA - Buon ventunesimo posto per Lorenzo Bartoli (Atl. Capanne) nei 2000 siepi maschili. Per lui un crono non distante dal fresco personale di 6:23.22
PROVE MULTIPLE - Al giro di boa Emanuele Monni (Il Colle) è undicesimo nel decathlon con 2802 punti. Per lui 11.96 nei 100 (659 punti), 5.81 nel lungo (546), 10.37 nel peso (508), 1.56 nell'alto (434) e 53.63 nei 400 (655).
VELOCITA' CON TITTA - Jacopo Titta (Educare con il Movimento) corre i 100 in 11.36 e non riesce ad approdare fra i migliori sedici. Per entrare nella finale 2 sarebbe servito correre leggermente più veloce del personale di 11.23.

Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate